“Neujahrs-Entschuldigungskarten”

Tra gli anni 1821 e 1915, la Città di Brunico emetteva ogni anno una cosiddetta «Neujahrs-Entschuldigungs-Karte», «Gratulations-Entschuldigungs-Karte» o semplicemente «Entschuldigungs-Karte». La tradizione di questa forma di esprimere i complimenti di Capodanno veniva coltivata anche in altre città del Tirolo.

Sulle schede erano raffigurati soprattutto santi e vedute urbane, che venivano riprodotte con tecniche diverse (litografia, incisione su acciaio); nel 1887 fu usata per la prima volta una fotografia come modello. In alcuni anni a metà del 19° secolo si poteva persino scegliere tra diversi motivi.

Le cartoline brunicensi venivano prodotte prima nell’Istituto litografico Kravogl di Innsbruck, dalla metà del XIX secolo dalla stamperia Mahl a Brunico. Nel periodo intorno al 1900, l’amministrazione comunale commissionò la produzione delle schede ripetutamente ad altri editori (a Vienna e in altre città).

Le cartoline venivano presentate e pubblicizzate, ogni anno, nel giornale locale «Pustertaler Bote». Il ricavato della vendita veniva messo a disposizione per l’assistenza ai poveri della città. Gli acquirenti avevano così la possibilità di togliersi l’obbligo («sich entschulden», disdebitarsi) di esprimere personalmente i complimenti di Capodanno.

L’Archivio storico della Città di Brunico custodisce una serie di «Neujahrs-Entschuldigungs-Karten» di Brunico, pubblicate attorno il 1900 (Lascito Hubert Stemberger, Mappe 22; Collezione Claudia e Bruno Weiss, Kirchbergerhaus). Gli originali sono stati digitalizzati dall’Archivio Tirolese per la documentazione e l’arte fotografica (TAP) e sono pubblicati qui sotto la licenza Creative Commons CC BY-NC 4.0.

Questa voce è stata pubblicata in L'archivio si presenta, Storia della città. Contrassegna il permalink.