2008: Infanzia e gioventù sotto fascio littorio e svastica

Nel 2008 il ciclo de ‘Il Laboratorio di storia’ trattò l’argomento “Infanzia e gioventù sotto fascio littorio e svastica”. La storia dell’Alto Adige è una delle più particolari d’Europa. L’Alto Adige fu occupato dai fascisti e più tardi, nel 1943 fu conquistato dai nazisti.

I relatori spiegarono soprattutto la vita delle persone cresciute in questo periodo. Illustrarono la vita degli studenti alto atesini, le loro idee e i loro punti di vista. Inoltre illustrarono la storia del ginnasio italiano a Brunico e le sofferenze dei bambini e dei giovani, vittime dell’eutanasia nazista.

Il 21 ottobre la giornalista Milena Cossetto tenne una relazione sulla politica di italianizzazione dei fascisti in Alto Adige e delle funzioni delle scuole in questo periodo analizzandolo attraverso l’esempio del liceo “Generale Cantore”. Era una serata molto interessante per tutti dato che nel pubblico si trovarono alcune persone che avevano frequentato il liceo “Generale Cantore”. 

L’11 novembre 2008 Norbert Sparer tenne una relazione sulla scuola tedesca prima che il fascismo raggiunse l’Alto Adige. Illustrò il periodo della soppressione fascista nell’ambito dell’Opzione e il periodo del 1943 quando le forze armate tedesche occuparono l’Alto Adige.

Dunque il 2008 trattò sia la situazione delle scuole italiane in Alto Adige che quelle di lingua tedesca e delle cosidette ‘Katakombenschulen’, le scuole tedesche che si tennero di nascosto. Inoltre le serate de ‘Il Laboratorio di storia’ trattarono pure gli argomenti culturali come ad esempio il canto, focalizzando sopprattutto gli inni e le canzoni popolari. Per ‘Il Laboratorio di storia’ del 2008 vennero consultati molti libri di storia inoltre furono invitati diversi testimoni dell’epoca.

Per concludere il circolo di conferenze de ‘Il Laboratorio di storia’ il 2 dicembre Selma Karlegger trattò l’argomento delle persone diversamente abili sotto il regime nazista. Nella presentazione, Karlegger illustrò la vita di dieci bambini e giovani alto atesini. Classificati come “andicappati” furono portati nel sanatorio nazista Kaufbeuern in Baviera e non tornarono mai più nella loro patria, probabilmente uccisi dai nazisti.


 

Geschichtswerkstatt 2008: “Kindheit und Jugend zwischen Liktorenbündel und Hakenkreuz”
 
Dienstag, 21.10.2008:
Milena Cossetto: “Il Ginnasio-Liceo ‘Generale Cantore’ di Brunico e la politica di italianizzazione del fascismo in Alto Adige” 
 
Dienstag, 11.11.2008:
Norbert Sparer: “Die Südtiroler Schuljugend zwischen Faschismus und Nationalsozialismus”

Dienstag, 02.12.2008:
Selma Karlegger: “Südtiroler Kinder und Jugendliche als Opfer der NS-Euthanasie”