Stegona

Stegen KircheStegona si trova a circa un chilometro a nord-ovest della città di Brunico sul fiume Rienza. Vicino a Stegona la Via Romana che passa per la conca valliva di Brunico, attraversa l’Aurino e prosegue per San Lorenzo. Alla confluenza della Rienza e del Aurino proprio dove un ponte attraversa il fiume Rienza fù creata una località. Più tardi venne documentato che in questo periodo esistevano già altri tre ponti sulla Rienza. Il paese era la sede della corte e una “Thingstätte” (anfiteatro) della Val Pusteria centrale. Soprattutto il mercatino di Stegona, che fù documentato nel 1398 esiste ancora oggi. Il mercato ne testimonia l’esistenza. Prima del 1398 il mercato ebbe luogo tra San Giorgio e Stegona, nella zona “Althing”. Il mercato di Stegona si tiene ogni anno negli ultimi tre giorni di ottobre.

Stegona appartenne al comune di San Lorenzo finché nel 1928 divenne frazione di Brunico. Fù documentata per la prima volta nel 995-1004 con il nome “Stega”. Dal 1050 fino al 1065 venne chiamata “Stegon”, dal 1160 “Stegin” e a partire dal 1296 “Stegen” ovvero “Stegön” o “Steegen”. Il nome deriva dalla parola alto medio tedesca “Stega” che è il plurale di “Steg” e significa “ponti”. Questo fatto testimonia che i primi coloni della zona erano baiuvari. Nella denominazione “Stegon” si può vedere l’influenza del plurale della parola medio alto-tedesca “ stëga“, “bî deme stëgun” che significa insediamento vicino Stegona.

SONY DSCLa strada Josef Seeber e la parte inferiore della Via Stegona originariamente formarono una zona chiamata “Im Plarra”. Il nome “Plarra” può avere diverse radici: la zona vicino la Rienza era spesso inondata e il fiume portava grandi quantità di macerie e fango (chiamato “Plarren”). Inoltre il territorio era usato soprattutto per costruirci stalle e pagliai, quindi il suolo era sporcato dagli escrementi delle vacche, questi venivano chiamati “Plarren”.


 

Bibliografia:

Maria Hilber Mutschlechner, 1000 Jahre Stegen, Bruneck [1996]. Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, Band 1: Die geschichtlich gewachsenen Namen der Gemeinden, Fraktionen und Weiler, Bozen 1991. Hubert Stemberger, Bruneck und Umgebung (Südtiroler Gebietsführer 7), Bozen 1988. Karl Staudacher, “Im Plarra”. In: Der Schlern Nr. 7, 1926, S. 173.