Carte intestate di Brunico: Una mostra sulla storia del commercio e della pubblicità

Questo testo accompagna la mostra “Brunecker Briefköpfe / Carte intestate di Brunico”, che è visitabile presso la LibriKa di Brunico nell’estate del 2022, dove le intestazioni delle lettere e delle fatture qui riportate sono visibili in facsimile.

versione Issuu da sfogliare (link esterno, qualità ridotta delle illustrazioni)

 

 

Introduzione

Le carte intestate sono e sono sempre state le insegne delle imprese. Offrono alle aziende la possibilità di presentarsi in modo efficace e, a causa di questo effetto pubblicitario, sono o erano spesso all’avanguardia in termini di grafica e tipografia. Le radici delle carte intestate delle aziende private affondano nella tradizione della corrispondenza ufficiale, per la quale si usavano moduli litografati prestampati a partire dalla metà del XIX secolo circa nella monarchia asburgica, che col tempo diventarono sempre più dettagliati. Le carte intestate prestampate o timbrate (i cosiddetti Kopfbögen o en-tête) esistevano già su più larga scala per le spedizioni ufficiali fin dalla Rivoluzione francese.[1]

La carta intestata è un buon esempio di come l’uso e l’imitazione iniziale della scrittura a mano cambiarono sempre più nell’uso di caratteri stampati a volte elaborati, ai quali si aggiunsero motti, simboli e infine intere vedute esterne e interne di fabbriche, che servivano allo scopo di auto-rappresentarsi.

Di conseguenza, le carte intestate e le fatture possono essere viste come fonti preziose per la storia dell’artigianato e dei mestieri, per i costumi della corrispondenza e per lo sviluppo della grafica, della tipografia e della stampa in generale. Si riferiscono ad aziende i cui proprietari sono cambiati, che hanno cambiato il loro campo d’affari o l’orientamento strategico, hanno trasferito la loro sede o sono esistite solo per un breve periodo. Oltre alle aziende più grandi, le testate delle lettere e delle fatture fanno luce sull’area dell’artigianato e del piccolo commercio, così come sui servizi come i cocchieri e gli spazzacamini, che spesso possono essere difficilmente ricostruiti attraverso altre fonti o solo con grande sforzo.

Numerose lettere e fatture con intestazioni stampate sono state conservate tra gli atti delle autorità municipali di Brunico, che adesso si trovano nell’archivio storico della città. I documenti presentati tramite la cancelleria al magistrato o ai rappresentanti dei fondi cittadini (fondo poveri, scolastico, ospedaliere e camerale) sono stati messi “ad acta”, cioè letteralmente agli atti, dopo essere stati trattati e quindi appartengono al gruppo di fonti trasmessi casualmente. Per il presente studio sono stati esaminati i documenti a stampa più vecchi, che risalgono all’epoca della monarchia austro-ungarica, cioè più o meno fino alla fine della prima guerra mondiale e all’annessione del Sudtirolo al Regno d’Italia. Una revisione del patrimonio archivistico dagli anni ‘20 in poi richiederebbe molto più tempo, poiché il numero di documenti si moltiplica. L’avvento della stampa offset offrì nuove possibilità in termini di design e distribuzione di carta intestata di lettere e fatture di aziende locali. Oggi la stampa digitale permette una produzione molto più facile ed economica di diversi tipi di stampati e il loro numero è difficilmente gestibile anche per un ricercatore o una ricercatrice che prende in visione un piccolo ente locale come il Comune di Brunico. Tuttavia, le prove più recenti di stampati commerciali rimangono depositate nell’archivio civico e sono disponibili per ricerche future.

Molti dei fogli sopravvissuti appaiono ancora oggi decorativi e sono allineati con le tendenze artistiche prevalenti (Classicismo, Storicismo, Art Nouveau, Nuova Oggettività). Le lettere, che principalmente fornivano informazioni sui servizi di un’azienda o sui prodotti o erano usate per fare offerte o regolare conti, riflettono l’immagine di sé di un’azienda e le sue richieste di un aspetto professionale. Oltre alla carta da lettere, le aziende e i fornitori si sforzavano anche di decorare i moduli delle fatture, che – spesso in un formato più piccolo – contenevano messaggi pubblicitari nel senso delle Corporate Identities. Oltre alle testate delle lettere e delle fatture stampate, anche l’uso di varie carte, timbri e inchiostri speciali e il posizionamento di elementi scritti a mano come firme, date e frasi di cortesia hanno da sempre giocato un ruolo importante.

La tipografia Mahl era responsabile di molte delle carte da lettera e dei moduli di fatturazione usati a Brunico dalla metà del 19° secolo in poi. Johann Georg Mahl (1823–1901) fondò nel 1849 una tipografia nella Via Centrale di Brunico con una “Christenlehrwaaren-Handlung” associata; la tipografia rimase l’unica attività comparabile tra la città vescovile di Bressanone a ovest e Lienz a est.[2] L’azienda aveva così un monopolio locale sulle stampe e riceveva un numero corrispondente di ordini, non da ultimo dalla stessa amministrazione cittadina, che usava moduli, manifesti e libri di scrittura prestampati, e non da ultimo carta stampata per le lettere di cancelleria.

La carta intestata e le fatture dimostrano che la tipografia Mahl si sforzava di stare al passo con le mode in rapida evoluzione, sperimentando nuovi caratteri e utilizzando ornamenti contemporanei. I punti salienti della grafica di stampa si trovano comprensibilmente tra le carte con cui l’azienda Mahl pubblicizzava la propria gamma di prodotti e servizi. Gli stampati erano talvolta firmati, a dimostrazione del fatto che la tipografia era consapevole della qualità dei propri prodotti e li utilizzava a scopo promozionale per ampliare ulteriormente la propria clientela. Sebbene non tutti gli stampati prodotti da Mahl siano firmati, un’analisi più attenta delle lettere e dei fogli di fattura del patrimonio brunicense rivela una “firma” abbastanza chiara della tipografia. Risulta evidente che relativamente pochi dei fogli di lettere e fatture esaminati non sono stati stampati a Brunico. Tra questi, ad esempio, i fogli litografati (prodotti con la litografia), una tecnica che non faceva parte del repertorio della ditta Mahl.

 

Dal manoscritto alla stampa

I fogli di lettere e fatture conservati negli archivi amministrativi permettono di capire come i moduli prestampati nel settore commerciale hanno sempre più integrato le lettere scritte a mano e alla fine le hanno quasi completamente sostituite. Fatture scritte a mano da artigiani e altri fornitori di servizi di vari secoli si possono trovare in diversi fondi dell’archivio storico della città di Brunico. Come le lettere, seguivano una forma specifica. Le linee guida per scrivere lettere sono state spiegate a coloro che emettevano lettere e fatture a partire dal 18° secolo da libri chiamati Briefsteller (epistolari). Secondo questi, ogni lettera doveva contenere elementi di base: Data, indirizzo, saluto, oggetto, firma. Le fatture o le ricevute devono essere viste come forme speciali nella misura in cui il saluto formale è omesso – gli altri elementi, tuttavia, sono rimasti obbligatori come per qualsiasi lettera commerciale.

Come esempi delle numerose fatture sopravvissute scritte a mano ancora alla fine del XIX secolo, vengono presentati due pezzi: Un foglio di Anton Sinner del 1888 ha un’impronta di timbro (“Anton Sinner Bruneck”) come prefigurazione della carta intestata stampata (n. 1). Lo stesso vale per una fattura emessa dal calzolaio Jakob Mascher nel 1898 (n. 2).

Come le carte da lettera stampate, i timbri dal design più o meno artistico avevano la funzione di presentare informazioni sull’emittente e quindi servivano anche allo scopo di fare pubblicità. L’avvento della carta intestata stampata ha permesso di mettere ancora più auto-presentazione su un modulo. Presto c’erano fogli che presentavano intere gamme di prodotti e servizi oltre alle informazioni di base su un’azienda come il proprietario o la proprietaria, il ramo commerciale e l’indirizzo. Lo stesso valeva per i moduli di fattura, che diventavano letteralmente degli spazi pubblicitari e offrivano la possibilità di presentare la gamma di prodotti e le offerte così come le eventuali innovazioni. Divenne anche sempre più di moda fare riferimento ai premi ricevuti in mostre e fiere e mostrare le medaglie dei premi corrispondenti in immagini.

A questi scopi, i commercianti fecero uso delle tecniche in rapido sviluppo della stampa tipografica e della litografia, ma anche della sempre più accessibile e varia carta prodotta industrialmente in diverse grammature, tonalità di colore e finiture superficiali.

 

Le prime stampe

È degno di nota il fatto che l’emergere di carte intestate e fatture stampate a Brunico coincida con l’istituzione della tipografia Mahl; esempi della prima fase delle carte intestate (1820–1845), su cui si vedevano simboli mercantili, allegorie e vignette,[3] non appaiono invece nei fondi esaminati. Piuttosto, a Brunico, una stampa tipografica inizialmente relativamente funzionale e disadorna con vari tipi di caratteri e semplici ornamenti come linee decorative curve e dritte prese il posto delle offerte, delle fatture e delle ricevute scritte a mano.

Le più antiche carte intestate stampate a Brunico risalgono agli anni 1850 e si possono vedere, per esempio, su diverse fatture di Josef (1853, n. 3) e Franz Ettel (1857–1876), che commerciavano in merce mista. Le stampe non sono firmate. Probabilmente i fogli datati 1857, 1858 e 1859 sono litografie (nn. 4–6).

Le fatture riportano ciascuna solo la denominazione “Rechnung” o “Interims-Rechnung” (fattura provvisoria), il nome del venditore con il toponimo Brunico, una tabella prestampata per facilitare l’inserimento delle singole voci, una linea della data prefabbricata e un campo per numerare il foglio (“Fol.”). Gli esemplari del 1858 e del 1859 hanno già delle ampie linee decorative avvolte intorno al nome “Franz Ettel”. Nel 1874, la stessa impronta è integrata da una scritta a mano “J. Webhofer vormals”, che suggerisce un trasferimento di attività in quell’anno (n. 7). Josef e Franz Ettl (Ettel) erano i figli di Josef, che è attestato come commerciante a Brunico dal 1796 al 1814, anno della sua morte. Franz Ettl (Ettel) rilevò la “Schnittwarenhandlung” di suo padre nel 1822, e dopo la sua morte nel 1861 suo figlio omonimo continuò l’attività.[4] 

Fatture su carta stampata di questa prima fase sono state conservate anche da Alois Jakob Hölzl, a partire dal 1860. Anche questi fogli (n. 8, 9) mostrano il nome del fatturatore, la denominazione “Rechnung” (fattura) in caratteri gotici (Fraktur) e una linea di data prefabbricata con il nome del luogo “Bruneck”. Hölzl ha fatturato beni metallici (chiodi, filo), polvere esplosiva e oli. Il tipo di stampe corrisponde alle fatture di Franz Ettel del 1853 e 1854 e probabilmente provengono dalla stamperia Mahl.

Altre fatture, che riflettono i primi tempi della stampa a Brunico, furono stampate da Johann Georg Mahl per i suoi scopi. Come per i fogli precedentemente menzionati, una prestampa del 1850 mostra inizialmente la denominazione “Rechnung” in caratteri gotici, il nome della ditta (“J.G. Mahl’sche Buchdruckerei”), una tabella da compilare, l’indicazione “Folio” per la numerazione così come una linea prestampata della data con l’indicazione del luogo “Brunico” (n. 10). Il nome della società non era impostato in caratteri gotici, ma in un carattere Antiqua. Un’altra fattura (datata 1853) ha un aspetto simile, anche se qui un foglio di carta già stampato è stato usato secondariamente (n. 11). Notevole è anche un’altra fattura dell’officina di Mahl, datata 6 luglio 1851, la cui intestazione va oltre l’ambito di ciò che era usuale fino ad allora (n. 12). I caratteri gotici non sono più utilizzati, ma ci sono varie scritture impostate in lettere maiuscole e decorati da tratteggi o da linee aggiunte, che in parte giocano con effetti di luce e ombra e creano un certo effetto 3D. Il nome della società “J.G. Mahl’s Buchdruckerei” è ora esteso da “Christenlehrwaaren-Handlung” (negozio di stampe per l’istruzione cristiana). La testa della fattura, posizionata centralmente sul foglio, è circondata da linee decorative come erano comuni nella calligrafia. Per tutta la bellezza di questo foglio, è sorprendente che il nome della società sia stato scritto e impostato in modo errato (“Nahl”). Inoltre, non si capisce perché questo errore di battitura sia stato corretto solo a mano e il foglio non sia stato semplicemente ristampato. Anche se l’opera non è firmata, si può presumere che l’originale provenga dalla tipografia della compagnia e che la composizione sarebbe stata disponibile per ulteriori stampe.

Apparentemente, il foglio stampato era già visto come un mezzo pubblicitario in questa fase iniziale, che aveva lo scopo di trasmettere che la tipografia era al passo con i tempi in termini di design con caratteri moderni e ornamenti elaborati. Altri fogli degli anni 1857 e 1859, che giocano con diversi caratteri e ornamenti, avevano lo scopo di ottenere un effetto simile (n. 13, 14).

Una fattura prestampata relativamente precoce è sopravvissuta anche dall’albergo Posta di Brunico, che includeva una riga per il numero della stanza accanto alla scritta “Rechnung” (n. 15). Altrimenti, contiene la solita linea della data con l’indicazione del luogo di riempimento e il nome del proprietario Eduard von Grebmer. Il foglio presenta una piacevole combinazione di caratteri gotici e Antiqua e porta anche la firma dello stampatore: “Druck von J.G. Mahl in Bruneck”. La locanda “Zur Post” sui bastioni di Brunico fu gestita da Elisabeth von Steyrer come padrona di casa e imperial-regia maestra di posta dal 1848 al 1855. Aveva assunto quest’ultima carica dopo la morte di suo marito Josef Ludwig von Grebmer nel 1846 con l’obbligo di costruire un nuovo ufficio postale (Posthaus). Le successe come padrona di casa suo figlio Eduard a partire dal 1855.[5]

Un’altra fattura della prima fase, datata 1863, proviene da Johann Tinkhauser, che appare come commerciante a Brunico dal 1855.[6] Anche questo foglio (n. 16) fu prodotto probabilmente dalla stamperia Mahl e mostra le solite caratteristiche dell’epoca e di questa stamperia con la differenza che il termine “Rechnung” stampato in lettere maiuscole e in caratteri ornati Antiqua è inoltre inserito in una cornice decorativa di fini volute. Il nome dell’emittente è stampato nel già familiare effetto bicolore (“Rosewood”), mentre su un foglio datato 1872 è stampato in una scrittura monocromatica in caratteri gotici contraddistinta da sottili segni di spunta decorativi sulle singole lettere (n. 17). Anche se entrambe le fatture sono state probabilmente prodotte più o meno nello stesso periodo, la data di emissione differisce di non meno di undici anni; le date non devono quindi assolutamente essere lette come riferimenti alle date di produzione dei fogli.

Una fattura emessa nel 1858 è di Michael Tschurtschenthaler (n. 18). È simile a quella di Tinkhauser (1863, n. 16) per quanto riguarda l’effetto bicolore. Ha in comune con le fatture di Ettel (1858, 1859, nn. 5, 6) le linee decorative curve che lì racchiudono il nome, qui invece il titolo. Michael Tschurtschenthaler è documentato come commerciante e cittadino a Brunico dal 1840.[7]

Un altro esempio precoce di testata può essere visto su un foglio di Johann Walde del 1850, che è molto semplice e identico a quello di Mahl dello stesso anno (n. 19). Johann Georg Mahl stampò diverse varianti per Walde (datate 1859 e 1864, n. 20, 21), che seguivano le forme usuali dell’epoca. Johann Walde (*1811), che aveva acquistato un laboratorio nel 1837 per la pratica della bollitura del sapone,[8] sulle fatture viene descritto come produttore di sapone e candele.

Lettere, fatture e ricevute, così come altri oggetti stampati, sono sempre stati autenticati da firme, se possibile di propria mano. Alla fine del XIX secolo, queste firme furono sempre più affiancate da impronte di timbri, che attestavano la ricezione di un pagamento e/o di una liquidazione.

Nella monarchia asburgica, nel 1854 furono introdotte le prime marche da bollo simili ai francobolli, che dovevano essere apposte su domande e altri moduli e annullate.[9] Presumibilmente, anche le fatture presentate all’amministrazione cittadina dovevano essere annullate con marche da bollo. Il francobollo più antico (da tre Kreuzer Conventionsmünze) nei fondi esaminati di Brunico si trova su una fattura dello stampatore Johann Georg Mahl del 1857 (n. 13).

 

Aspetto

La collezione brunicense di carte da lettera e di carta intestata consiste in gran parte di prodotti di stampa tipografica, la maggior parte dei quali sono stampe monocromatiche a foglio singolo. Le carte hanno diversi spessori e colorazioni; i colori sgargianti, come erano usati altrove (n. 22),[10] non si trovano tra le stampe dei commercianti di Brunico. La dimensione dei fogli stampati varia, ma nella maggior parte dei casi è stato usato il collaudato formato in folio. Per le fatture e le ricevute, questo è stato spesso diviso a metà per ottenere dei formati oblunghi. Per la corrispondenza, il formato verticale rimase lo standard o fu talvolta sostituito solo da carta da lettere piegata al centro, ottenendo così quattro pagine su cui si poteva scrivere (n. 23, 24).

 

Il design della pagina

Nel caso di materiale stampato, si può fare una distinzione tra i fogli che hanno la carta intestata disegnata su tutta la larghezza della pagina e quelli che mostrano solo il nome della società, più o meno ornato, eventualmente prolungato dall’indirizzo, nell’angolo superiore sinistro. Alcune stampe che mostrano le teste così rudimentali appaiono molto eleganti proprio per un certo ordine in contrasto con il vero e proprio horror vacui di altri fogli. Esempi provengono dal mercante di legname Ignaz Franzelin e si trovano su due fatture emesse nel 1885 e nel 1889 (nn. 25, 26). Che questi fogli provengano dalla tipografia Mahl è discutibile.

Un altro esempio è una ricevuta di piccolo formato del “Hôtel zur Post” di Eduard von Grebmer, datata 17 luglio 1910 (n. 27). La tipografia relativamente semplice in Antiqua e caratteri grotteschi (Grotesk), che lascia molto spazio bianco, è completata solo da due piccoli e discreti ornamenti. Anche una fattura di Franz Harrasser, emessa il 12 febbraio 1904, appare elegante (n. 28), sebbene il foglio sia stato densamente scritto e infine coperto da una marca da bollo.

Alois Josef Hölzl ha portato questo tipo di understatement all’estremo; il suo nome è stampato in lettere relativamente piccole nell’angolo superiore delle sue fatture (1908, 1910, 1923, nn. 29–31). Sul retro di un foglio che mostra il solito modulo di fattura (datato 1901, n. 23), c’è una descrizione della società che elenca i suoi servizi e le informazioni di contatto in una serie di caratteri diversi, con il nome “A.J. Hölzl” stampato in una scrittura basata sui caratteri cinesi. Il blocco di informazioni sembra essere inscritto in un rettangolo, mentre il resto del foglio – ad eccezione della linea della data prestampata – rimane vuoto.

Altri esempi di carta intestata ridotta ad un angolo del foglio sono una fattura del doratore, pittore di botti e decorazioni Anton Huber (datata 1906, n. 32), il nome del commerciante di salumi e generi affumicati Josef Horak incastonato in una cornice Art Nouveau su una fattura del 1910 (n. 33), e quello del proprietario terriero Hans Hofer su una ricevuta del 1914 (n. 34).

Nel caso degli stampati di Anton Huber, si vede bene come la moda di far apparire la pagina essenzialmente bianca sia stata seguita da un’intestazione ampia e a scatola che si estende per tutta la larghezza del foglio e occupa circa un quarto dell’estensione verticale della pagina (nn. 35, 36). Questo sviluppo, tuttavia, non è (solo) dovuto a un cambiamento di gusto, ma alla necessità di ospitare più testo in caratteri relativamente grandi sull’intestazione. Un’elegante e fantasiosa carta intestata del fabbro ferraio Friedrich Mair (datata 1915, n. 37) mostra che le intestazioni larghe a cornice non devono far apparire il foglio sovraccarico.

Un altro esempio di stampa minimalista è un foglio di fattura di Michael Kostner (“Gasthaus zur Traube, Bruneck Am Graben”), datato 1915 (n. 38). La cornice è simile a quella del foglio di fattura di Franz Harrasser (n. 28), ma è composta da altre forme (modanature e ornamenti di linea, una stella a sei punte e Rollwerk). Apparentemente, questi elementi potevano essere combinati tra loro in tipografia, a seconda delle necessità.

Anche la carta intestata della locanda “Goldener Stern” di Josef Mayr junior (fattura del 1901, n. 24) è particolarmente elegante. Anche in questo caso, ogni linea è stata impostata in un carattere diverso, gli ornamenti sono limitati a due piccoli fasci di linee sottili.

Una forma molto decorativa di piccola carta intestata nell’angolo superiore sinistro del foglio fu usata anche da “Starch’s Wein- und Branntwein-Handlung” nella Via Centrale di Brunico (1915, n. 39).

La “Pusterthaler Schafwollwaren-Fabriken” di Josef Mössmer a Campo Tures e Brunico aprì la strada dal 1907 in poi con una variante più sobria di queste forme, che in gran parte rinunciava a forme ornamentali e (con un’eccezione nel 1922) usava caratteri senza grazie (privi dei tratti terminali delle aste, nn. 40–42). Questa nuova tradizione è ancora più evidente in una carta intestata della “Impresa di Costruzioni Domenico Madile Brunico” su un foglio iscritto nel 1926, stampato in un semplice carattere grottesco (n. 43).

 

 

Caratteri, ornamenti e colori

La carta da lettere e le fattura si adattavano al gusto dell’epoca non solo per quanto riguarda il design della pagina, ma anche attraverso l’uso di caratteri e ornamenti grafici. Il campione di Brunico mostra chiaramente come si sono sviluppati i caratteri utilizzati (o meglio, quali caratteri erano principalmente nel repertorio della tipografia Mahl) e come sono cambiati gli ornamenti che formano lo sfondo oppure incorniciano o circondano le parole stampate. Partendo dal lettering relativamente disadorno e sobrio degli anni 1850 e 1860, la carta intestata divenne sempre più elaborata e visse una vera e propria fioritura nelle epoche stilistiche del Classicismo, dello Storicismo e dell’Art Nouveau, quando gli elementi decorativi della “Belle Époque” dominarono temporaneamente la pagina stampata e il contenuto informativo fu quasi messo in secondo piano. Questo sviluppo, che terminò temporaneamente con la prima guerra mondiale, è vividamente illustrato da una serie di testate di lettere e fatture della tipografia e libreria Mahl del periodo tra il 1876 e il 1918 (nn. 44–62).

Numerosi tipi di stampa dai fondi dell’archivio brunicense mostrano che l’“arte nera” non era affatto monotona, almeno all’inizio del XX secolo, ma che la stampa colorata era certamente fatta secondo i desideri e le possibilità di un cliente. Per esempio, le barre che separano i singoli campi sui fogli delle fatture sono spesso rosse. Una carta intestata della società Johann Amonn (fattura emessa nel 1916) è delineata con una semplice linea in giallo (n. 63). Su una fattura emessa nel 1912 da Thomas Anhell, che apparentemente gestiva una legatoria e una cartoleria a Brunico, la prima lettera della parola “Rechnung” è stampata in rosso, il resto in nero (n. 64). Questo può essere interpretato come un’allusione all’abitudine medievale di evidenziare le iniziali nella stampa o nel manoscritto. In questo caso, tuttavia, il titolo ha un carattere speciale non solo per il colore e il tipo, una scrittura unciale particolarmente ornata in lettere maiuscole, ma anche per una sottolineatura in rosso con un arioso disegno floreale.

L’uso dei due colori rosso e nero si trova anche su un esempio precedente, cioè una fattura del 1902 del costruttore (Stadtbaumeister) Franz Madile (n. 65). Il termine “Rechnung” è impostato in carattere gotico, di nuovo con la lettera iniziale stampata in rosso. Questo foglio (come presumibilmente quello di Anhell) non proviene dalla officina Mahl di Brunico, ma è firmato “Ferd. V. Kleinmayr, Klagenfurt”.

A partire dal 1900 circa, l’intera pagina è stata talvolta stampata in colori diversi dal nero, come una fattura del negozio di generi misti di Josef Gasser, datata 17 agosto 1900, in un caldo tono marrone-rossastro (n. 66). Una fattura del montatore di stufe Gottfried Eliskases del 1903 affascina con il suo colore di stampa verde oltre all’uso lussureggiante di forme Art Nouveau (n. 67). Il caso di Eliskases in particolare mostra il piacere dello stampatore nella variazione: Una serie di fatture del 1905, 1907, 1913 e 1914 presenta non solo ornamenti e caratteri diversi, ma anche diverse tonalità di colore nei singoli pezzi (nn. 68–71). Lo stesso vale per due fatture già presentate del pittore Anton Huber, emesse nel 1913 e nel 1924. Sebbene le carte intestate non differiscano nella forma delle scritte e delle finiture, lo fanno nel colore (nn. 35, 36).

Notevoli sono due fatture dell’Hotel “zur Post” di Brunico, emesse nel 1915 e nel 1917 (nn. 72, 73). Mostrano la stessa vista della casa, che in ogni caso è abbinata al colore di stampa del foglio (in un caso marrone ruggine, nel secondo caso un grigio-verde scuro).

Comparativamente molti fogli furono stampati in blu (nn. 74, 75). Un esempio particolarmente attraente è una fattura emessa nel 1912 da Franz Larcher (“Mode- und Schnittwarenhandlung”): questa forma gioca con diversi caratteri così come con bordi decorativi e una cornice in forme rococò (n. 76). Anche due fatture della “Bau- u. Möbeltischlerei mit Maschinenbetrieb” di Wilhelm Lunz sono stampate in tonalità (relativamente scure) di blu e grigio. L’ornamentazione e il design delle pagine di entrambe le copie è impressionante e riflette ancora una volta il linguaggio formale dello Storicismo (foglio datato 1906, n. 77) e dell’Art Nouveau (foglio datato 1912, n. 78).

La serie di stampe in blu comprende anche due fatture decorative del “Hôtel Bruneck” o “Hotel Stadt Bruneck” di Johann Schifferegger (emesse nel 1910 e 1912, nn. 80, 81). Nonostante il piccolo scarto temporale, anche in questi due fogli colpisce il diverso linguaggio formale, cioè il contrasto tra l’uso di caratteri e ornamenti più tradizionali e le forme più moderne.

Unico nella sua realizzazione grafica nella collezione di Brunico è un foglio di fattura di Alois Wassermann (locanda “Blitzburg”), datato 19 settembre 1915 (n. 82). La carta intestata, incastonata in una cornice vivace in stile Art Nouveau, è stata stampata con inchiostro verde, che dà al foglio un’impressione esclusiva.

Due fatture “della Spezerei-, Manufaktur-, Eisen- und Lederhandlung” di Josef Webhofer (datate 1881), invece, si incontrano in viola (nn. 83, 84). Le forme stampate di questa compagnia mostrano una vasta gamma di caratteri e ornamenti (nn. 85–95). Anche una fattura della “Droguerie zum ‘Roten Kreuz’ des W.v. Zieglauer” è stampata in viola (n. 96). Questo colore potrebbe essere lo stesso di una fattura del negozio di orologi di Vigil Gasser, datata 5 maggio 1887 (n. 97). Tutti questi ultimi fogli non sono attribuibili. Mentre le fatture di Wassermann e Zieglauer non furono probabilmente stampate a Brunico, i fogli di Gasser e Webhofer forse provengono dalla tipografia Mahl.

 

 

Marchi

I loghi aziendali come li conosciamo oggi, cioè i segni grafici come combinazione di scrittura con elementi pittorici, sono rari nelle testate di lettere e fatture del patrimonio di Brunico. Piuttosto, nella grande maggioranza dei casi, il nome del proprietario o della proprietaria di una società e il suo campo di attività sono semplicemente scritti. Ci sono, tuttavia, alcune eccezioni, per esempio quando consideriamo le rappresentazioni allegoriche come precursori del logo moderno.

Una fattura della “Schafwollwaren-Fabrik J. Mössmer & Co. Nachf. Ges.m.b.H.”, per esempio, datato 6 aprile 1923, mostra un piccolo emblema in alto a sinistra di una donna seduta ad un filatoio con la stampa di accompagnamento “Registrierte Schutzmarke” (marchio registrato, n. 98).

Una combinazione di scrittura e immagine simbolica si trova su una fattura della società di spedizioni di Ignaz Moser (datata 1915, n. 99). Qui il nome del proprietario dell’azienda è montato sul rimorchio di una carrozza trainata da cavalli. Questa rappresentazione pittorica era probabilmente un cliché acquistato e “personalizzato” dal tipografo.

Il libraio Karl Voigt ha fornito almeno uno dei suoi prodotti stampati con un marchio. Una fattura datata 8 agosto 1924 mostra un cartiglio ovale in alto a sinistra che raffigura un gufo in piedi sopra una fila di libri e che spiega le ali (n. 100); l’immagine, probabilmente un’incisione su legno o un taglio, è firmata “Glass”. È probabile che questo pezzo non sia stato progettato a Brunico; l’intera composizione del foglio non corrisponde al linguaggio formale della tipografia Mahl.

Un altro “logo” mostra una fattura del sellaio e tappezziere Josef Gatterer, emessa nel 1917. Al centro della carta intestata c’è la raffigurazione di un cavallo imbrigliato e di una sella mostrata separatamente (n. 101). Questo emblema può essere interpretato come un marchio e una pubblicità di prodotto allo stesso tempo.

La farmacia Zieglauer portava sulla sua carta intestata una sigla che visualizza il suo nome “zur heiligen Dreifaltigkeit” (alla Santa Trinità) e mostra Dio Padre e Dio Figlio in un cartiglio circolare, mentre lo Spirito Santo in forma di colomba si libra sopra entrambe le figure e sfonda il bordo superiore del cartiglio. Questo marchio, il cui creatore deve purtroppo rimanere sconosciuto, può essere rintracciato nelle carte dell’archivio per la prima volta su una fattura emessa nel 1897 (n. 102). La farmacia stessa si basa su una lunga tradizione: Johann von Zieglauer, nobile di Blumenthal, gestì l’attività fino al 1806, dopodiché subentrò suo figlio omonimo. Nel 1838 gli successe suo figlio Johann, che fu anche sindaco di Brunico e morì nel 1883.[11]

Anche Walter von Zieglauer, gestore della “Droguerie zum ‘Roten Kreuz’”, usava un logo – seppur semplice: una croce greca posta centralmente nella carta intestata (fattura del 1911, n. 96). Infine, anche lo stemma della famiglia Zieglauer può essere interpretato come un marchio, che è stato stampato su un altro modulo della stessa farmacia (datato 1913) insieme alla denominazione della ditta e al nome del luogo “Brunico, Tirolo” nell’intestazione del – in questo caso – foglio di note (n. 103).

L’azienda Mahl ha usato – per esempio su una fattura emessa nel 1914 – lo stemma dell’industria tipografica come marchio. In questo caso, l’intestazione della fattura è stampata in quattro colori (nero, rosso, marrone e giallo) e con un carattere gotico (n. 54). Al centro, tra due liste di prodotti e servizi, c’è un cartiglio a forma di scudo che raffigura un grifone che guarda verso la sinistra araldica, premendo insieme due balle da stampante. Sotto lo scudo, le lettere intrecciate O e S possono essere viste in un piccolo quadrato, presumibilmente un monogramma dell’artista esecutore. Se questo foglio è stato stampato da Mahl, questa raffigurazione è stata probabilmente acquistata. Lo stemma dell’industria tipografica si trova anche su fatture precedenti della ditta brunicense, cioè quelle del 1884, 1892, 1896, 1898 e 1903 (nn. 46–48, 55).

Per completezza, segnaliamo un timbro di Johann Amonn, che si può vedere su una fattura del 1915 e che mostra un “logo”: La legatura artisticamente formata delle due lettere iniziali del suo nome J e A, inserite in un cartiglio rettangolare incorniciato da modanature in alto e in basso (n. 104). Un altro timbro gradevole è quello del maestro fabbro Johann Innerhofer, la cui impronta può essere vista su una fattura emessa nel 1913. Mostra un’aquila in volo che tiene una chiave nei suoi artigli (n. 105). Questo motivo può essere interpretato come un marchio di fabbrica, in questo caso di un artigiano, che però non si ripete nelle testate di lettere e fatture stampate dello stesso fabbro.

 

 

Litografie e Stereotipi

Ci sono pochi fogli litografati nella collezione di Brunico, il che è dovuto (anche) alla mancanza di un’istituzione litografica nel vicino e più ampio bacino di utenza della città, ma soprattutto alla tipografia Mahl, che offriva buone alternative alla litografia. I fogli litografati così sono stati importati. Si trova, per esempio, una fattura di Ignaz Franzelin (emessa il 26 giugno 1920, n. 106), che è marcata “Wagner’sche k.k. Univ. Buchdruckerei, Innsbruck”. La carta intestata combina la scrittura gotica con diverse scritture grottesche, che raggiungono un aspetto speciale con effetti di chiaroscuro e ombra. I rami e le pigne raffigurate simboleggiano la lavorazione del legno nell’azienda, che comprendeva una falegnameria, una segheria elettrica, una spaccatrice e una piallatrice, nonché una fabbrica di pasta di legno e cartone. A parte questo, si può sospettare che dietro la carta intestata ci fosse già una strategia pubblicitaria più sofisticata: la raffigurazione fa appello non solo alla percezione visiva, ma anche a una memoria olfattiva che può evocare sensazioni piacevoli. L’importanza dell’azienda per la vita economica locale è sottolineata dalla menzione di un numero di telefono a una cifra sola (!).

Una litografia si trova anche su una fattura della bottaia di Anton Staudacher a Brunico, emessa il 29 dicembre 1895 (n. 107). Oltre a molti ornamenti, l’elaborata carta intestata mostra anche due medaglie. Secondo la firma, la litografia stessa – cioè la parte centrale dell’intestazione della fattura – è stata fatta da Alois Härting a Bolzano. Che la carta intestata nel suo complesso sia stata stampata a Bolzano è discutibile, ma sembra probabile.

Una seconda litografia appare su un’altra fattura del bottaio Staudacher, datata 10 gennaio 1899 (n. 108). Anche questo esempio mostra come linguaggi formali completamente diversi potevano essere utilizzati nel giro di pochi anni. A differenza della precedente, la carta intestata si distingue per la scelta di caratteri dall’aspetto dinamico, e le medaglie sono state omesse. L’impressione di dinamismo è rafforzata dal fatto che il carattere è impostato ad angolo, simulando visivamente un movimento verso l’alto. Anche questa litografia è di Alois Härting, in questo caso la firma si riferisce chiaramente all’intero foglio.

Uno stampato dal design particolare fu emesso come fattura dal sellaio e tappezziere Johann Hofer il 7 giugno 1908 (n. 109). La rappresentazione pittorica non è probabilmente una litografia, ma una xilografia, sebbene sia stata eseguita molto finemente. Mostra la combinazione di un carattere tipografico Art Nouveau con un’aquila, fiori e vari ornamenti. I prodotti dell’azienda – una carrozza e un divano – sembrano essere stati aggiunti a caso, così che il foglio nel suo insieme dà un’impressione un po’ confusa. Non si avvicina alla qualità dei fogli litografati di Anton Staudacher.

Su una fattura della tipografia Mahl emessa il 21 novembre 1898 (n. 49), la carta intestata ricorda anch’essa una litografia, ma presenta un tratteggio altrettanto fine e la combinazione di caratteri, fiori e ornamenti come quella di Hofer. Si dice esplicitamente su questa rappresentazione che si tratta di uno stereotipo (Stereotypie). Questa tecnica permetteva di duplicare le lastre da stampa basate su incisioni su legno (?) e di produrre stampe illimitate dai duplicati.[12] Gli stereotipi possono probabilmente essere visti anche su diverse fatture che mostrano simboli per servizi o prodotti dell’assortimento, come le stampe di Anton Mariner (datate 1906 e 1908), che mostrano occhiali, cannocchiali e binocoli (nn. 110–112).

Ciò che manca nell’archivio di Brunico sono le vedute litografate delle fabbriche e delle imprese locali, come era comune in altre città, specialmente nel periodo tra il 1850 e il 1920 circa.[13] Con edifici, macchine e interni a volte esagerati nelle loro dimensioni, così come ciminiere fumanti e strade trafficate, i proprietari cercavano di sottolineare l’importanza dei loro luoghi di produzione per una città o una regione. Tali vedute, nei fondi di Brunico si trovano solo su fogli che sono stati importati come stampe pubblicitarie, offerte o fatture di aziende esterne (n. 114).

 

Fotografie

Poche delle carte intestate e delle fatture di Brunico hanno immagini fotografiche come elemento di design con lo scopo di trasmettere immagini realistiche degli edifici aziendali. La riproduzione di fotografie in stampa era una sfida che la tipografia Mahl risolse utilizzando la tecnica dell’autotipo: le immagini venivano retinate e se ne facevano dei cliché che potevano essere inseriti in una lastra da stampa.[14]

Una foto adorna una fattura di Alois Bernardi (locanda “Mondschein” e macelleria) emessa il 28 agosto 1915 (n. 115). L’immagine mostra l’edificio di Piazza Cappuccini con la torre della chiesa di S. Caterina (Rainkirche) sullo sfondo. La carta intestata non è firmata, e anche la paternità della foto rimane oscura. Hermann Mahl (1860–1944), che assunse la direzione della tipografia di Brunico dopo la morte di suo padre Johann Georg Mahl nel 1903, era un fotografo entusiasta che forniva motivi per le illustrazioni di guide escursionistiche e di viaggio.[15] È molto probabile che la foto sia stata scattata da lui.

Una fotografia formò anche la base per il cliché rielaborato usato per stampare le suddette fatture del “Hotel zur Post” (nn. 72, 73). I fogli sono datati 1907 e 1915 e firmati rispettivamente “H. Mahl, Bruneck” e “Mahl, Bruneck”. Il disegnatore, pittore e ritoccatore Alois Sperandio, che emigrò a Filadelfia nel 1910 ma che in precedenza aveva lavorato per la tipografia di Brunico ed era anche responsabile del design delle cartoline illustrate, potrebbe essere l’autore del cliché fotografico con una banda di scrittura e due fiori.[16]

Anche il “Hotel u. Pension Tirol” di Wally Hohr (1910, n. 116) pubblicizzava una foto della casa. Anche in questo caso, nessun autore è dato per la fotografia. La stampa relativamente piccola, l’ortografia dei nomi dello stabilimento e del proprietario per mezzo dell’imitazione tipografica della grafia, così come il fatto di lasciare molto spazio bianco, danno al foglio un carattere elegante.

Infine, una fotografia del locale commerciale fu utilizzata anche dal negozio di mobili e falegnameria di Josef Kofler per due carte intestate trovate su fatture emesse nel 1913 e nel 1917 (nn. 117, 118); il foglio del 1917 è firmato “H. Mahl, Bruneck”. La vista fuori dalla città verso est è molto rara nella prima fotografia di Brunico. Non mostra nessun luogo che sarebbe stato interessante per la pubblicità turistica, ma piuttosto un quartiere caratterizzato da attività artigianali e case residenziali. In questo senso, questa fotografia ha un carattere documentario oltre al suo scopo pubblicitario.

 

 

La presentazione di prodotti e servizi

Il carattere pubblicitario degli stampati commerciali si esprime chiaramente nella denominazione dei servizi di un’azienda o nella rappresentazione grafica della sua gamma di prodotti. Mentre le prime carte intestate si limitavano al nome del commerciante, al luogo, alla data, al tipo di corrispondenza e alla branca d’affari, la presentazione di interi elenchi di prodotti divenne sempre più di moda. Elenchi dettagliati si trovano, per esempio, in una fattura del negozio di carta, cancelleria e musica di Johann Amonn (emessa nel 1916, n. 63) o in un foglio di fattura del “Delikatessen- und Spezereiwaren-Geschäft” di Carl Mahl (emesso nel 1917, n. 119). Quest’ultimo foglio si distingue anche per l’uso di un carattere speciale, grottesco con aste arrotondate.

Una carta intestata tardiva con un elenco di prodotti è mostrata in una lettera di Anton Mariner (pubblicata nel 1923, n. 120). Questa stampa è inoltre notevole perché colloca la città di Brunico nella “nuova Italia” (Neu Italien) e permette così di farsi un’idea di un periodo di incertezza sull’appartenenza politica del Sudtirolo.

Una fattura di Johann Schönhuber (emessa nel 1910) mostra una lista di servizi e prodotti sulla sinistra del foglio e una rappresentazione pittorica di una “vasca da bagno di riforma” (n. 121). Una lista di prodotti può essere vista anche su una fattura della farmacia “zum Roten Kreuz” (n. 96). Il fatto che menzioni solo una selezione da una gamma molto più ampia è chiaramente trasmesso da un “ecc. ecc.” conclusivo.

Uno stampato dettagliato con informazioni sui prodotti è un foglio “in-house” della tipografia Mahl. Non si tratta di carta intestata o di fattura, ma di un opuscolo pubblicitario che poteva essere aggiunto ad altri stampati (n. 122).

Una forma speciale di elenchi sono le fatture del “Hotel zur Post” (nn. 72, 73), sulle quali una lista di servizi disponibili (pensione, camera, colazione, pranzo, cena, bevande, spuntino, luce, servizio, riscaldamento, servitori, omnibus, carrelli, varie) era prestampata e poteva essere elaborata al momento del completamento.

Rappresentazioni pittoriche di prodotti e/o servizi si trovano sulle carte intestate del montatore di stufe Gottfried Eliskases (fatture emesse nel 1905–1914, nn. 68–71), su ognuna delle quali si vede una stufa in maiolica. La suddetta fattura della bottega di Johann Hofer, sellaio e tappezziere (n. 109), mostra una carrozza e un divano. Diverse fatture del meccanico (Bau- und Maschinenschlosser) Johann Innerhofer (emesse nel 1905 e 1909, nn. 123, 124) mostrano ciascuna una bicicletta e una macchina da cucire nell’intestazione, su un altro foglio la bicicletta è stata sostituita da un fornello (emesso nel 1913, n. 125). La produzione di “Sparherde” non era un nuovo ramo commerciale, ma è menzionata per iscritto sui fogli di fattura precedenti. Anche una fattura del maestro fabbro e commerciante di macchine Fritz Mayr mostra due fornelli a risparmio (senza data, n. 126).

Esempi della gamma, vale a dire occhiali, binocoli, cannocchiali e orologi da tasca, sono mostrati su diverse fatture dell’orafo Anton Mariner (emesse nel 1906 e 1908, n. 110–112). Come per le altre immagini di prodotti, si tratta di impressioni di cliché semplici, forse acquistati, che sono stati integrati nella lastra da stampa in diverse disposizioni.

La ditta Mössmer – come già detto – non faceva pubblicità con un prodotto concreto, ma con un emblema, cioè la raffigurazione di una donna seduta al filatoio (1923, n. 98). L’agenzia di spedizioni di Ignaz Moser era simboleggiata nel 1915 da un veicolo a cavallo con un vagone da trasporto (n. 99). Il macellaio e produttore di generi affumicati Karl Oberhofer fece pubblicità nel 1913 con un piatto appetitoso che mostrava un’intera gamma di carne e salsicce (1913, n. 127). Victor Roedl porta l’immagine di una bicicletta sulla sua carta intestata nel 1907, oltre ad elencare la sua gamma di prodotti (n. 128). È interessante notare che il disegno della bicicletta è diverso e non l’impronta usata per le fatture di Johann Innerhofer (nn. 123–125).

Una particolarità del patrimonio di Brunico è una cartolina pubblicitaria: H. Roedl gestiva una fabbrica di inchiostro a Praga-Bubna; Victor Roedl faceva pubblicità a Brunico con una stampa di questa fabbrica che mostra una bottiglia di inchiostro copiativo (ricevuta, emessa nel 1901, n. 129).

 

 

Premi

Si sperava che la riproduzione delle medaglie assegnate alle aziende durante le fiere e le esposizioni avrebbe avuto un effetto pubblicitario speciale. Era consuetudine mostrare il fronte e il retro delle medaglie per rafforzare l’impressione di premi di valore. Alcuni dei cliché per la stampa delle medaglie potevano essere acquistate direttamente alle mostre.[17] Le medaglie integrate nelle testate delle lettere e delle fatture indicano così non solo la qualità dei prodotti e dei servizi, ma anche le attività promozionali delle aziende.

Hartmann Hinterhuber (locanda “zur Goldenen Rose” e macelleria), per esempio, faceva pubblicità con una medaglia di merito che aveva ricevuto nel 1908 a Karlovy Vary (Karlsbad, n. 130), dove si era svolta un’esposizione internazionale di commercio e “igiene sociale” in occasione del 60° anniversario del regno dell’imperatore Francesco Giuseppe I. La “Oofen- und Thonwaren-Geschäft” (produzione di stufe e ceramiche) di Josef Kuntner, fondata nel 1816, poteva vantare due medaglie: da un lato un premio onorario dell’Imperial-regio Ministero per il Commercio di Vienna (diploma onorario 1887), dall’altro la “Bronzene Staatsmedaille” (medaglia di stato di bronzo) dello stesso ministero ricevuta all’esposizione provinciale tirolese del 1893 (n. 131–133).

La “Mahl’sche Buchdruckerei und Handlung” (tipografia e negozio Mahl) metteva in mostra una medaglia d’argento della Camera di Commercio e dell’Industria di Bolzano, che la ditta aveva ricevuto ad una fiera di commercio e industria nel 1887 (nn. 47, 48). Nel 1893 si aggiunse una seconda medaglia dell’esposizione provinciale tirolese di Innsbruck, che da allora era inserita in varie teste di fattura (nn. 53–56) – l’ultima volta su una fattura emessa nel 1914 per il Pustertaler Bote, il giornale locale pubblicato dalla tipografia (n. 58).

Anche la legatoria a botte di Anton Staudacher vantava due medaglie che aveva ricevuto alla mostra commerciale a Bolzano nel 1887 e all’esposizione provinciale di Innsbruck nel 1893 (nn. 107, 134). La legatoria e libreria di Karl Voigt faceva pubblicità con medaglie degli stessi due eventi (nn. 135–138). Anche il ramaio e idraulico Franz Rieger sapeva come usare la radiosità del metallo prezioso per se stesso. Pubblicizzava un primo premio per distillatori di acquavite e un premio statale per i meriti in agricoltura della “Landwirtschaftliche Landes-Ausstellung” nel 1875 a Trento (No. 139).

 

 

Timbri

Come già menzionato, le impronte dei timbri servivano come sostituto della carta intestata quando un’azienda, un artigiano o una commerciante non avevano la possibilità o il denaro per far disegnare le proprie stampe. In questo caso, i timbri delle aziende, alcuni dei quali avevano un design piuttosto attraente, potevano fare impressione e offrivano la possibilità di personalizzare una fattura, una ricevuta o una lettera con uno sforzo relativamente piccolo. I timbri non erano solo in concorrenza con le testate delle lettere e delle fatture, ma potevano anche essere usati in aggiunta – a parte i timbri di data, ricevuta o firma, che avevano (hanno) funzioni proprie.

Mentre i timbri in gomma naturale si sono diffusi a metà del XIX secolo, le impronte di timbro nei carteggi di Brunico si incontrano sempre più spesso dall’inizio del XX secolo. Come le testate delle lettere e delle fatture, anche i timbri venivano adattati alla rispettiva moda, anche se si può supporre che singoli esemplari siano stati utilizzati per decenni.

Le impronte dei timbri sono per lo più in blu e viola, più raramente in nero e rosso. Non si può rispondere alla domanda su dove gli uomini e le donne d’affari di Brunico si procurassero i timbri, ma la ditta Mahl, come gli altri negozi di libri e cartoleria, aveva pronte le offerte corrispondenti: “Si procurano timbri di tutti i tipi a prezzi di fabbrica, così come francobolli da sigillo”, si legge sul foglietto pubblicitario già presentato (n. 122).

Una prima impronta di timbro nell’inventario di Brunico è quella del “Ig. Franzelin in Bruneck” su una fattura del 27 dicembre 1889 (n. 140). Un’altra impronta precoce è quella del vetraio Josef Neuhauser, che appare su una fattura emessa nel 1890 (n. 141). Un altro esempio della prima fase è il timbro del fotografo Albuin Johann Mariner, che appare su una fattura del 7 gennaio 1892 (n. 142, meglio riconoscibile su una ricevuta successiva del 1920, n. 143). La scritta a tre righe qui è inserita in un cartiglio rettangolare curiosamente ornato, che ricorda una cornice stampata in un’intestazione di fattura della sartoria Prünster & Eliskases (1887, n. 144). Un’altra impronta stranamente antiquata è quella di “Joh. Schönhuber, Galanterie-Bauspengler, Glas: Porzelangeschäft Bruneck”, che si trova su una fattura del 1907 (n. 145), ma la cui forma è probabilmente più antica ed era in uso da tempo.

Esempi di timbri relativamente belli sono, per esempio, l’impronta del mastro fabbro e ingegnere elettrico Peter Brunner su una fattura emessa nel 1915 (n. 146) o quella della cartoleria di Johann Amonn (1915, n. 104). Anche lo scultore Alois Hauser aveva un timbro dal design gradevole (1906, n. 147). Notevole è un timbro in lingua italiana di “Bertoletti Antonio, Imprenditore, Brunico” su un’assegnazione dell’ospedale, emessa a Montana nel 1892 (n. 148).

Un timbro su una fattura del 1913 informa sulla storia dell’azienda così come sull’offerta: “Friedrich Hempel, Rupert Gschliesser’s Nachfolg., Maschinenhandlung und mechanische Werkstätte, Elektrotechnisches Bureau, Filiale Bruneck” (No. 149). Un timbro della “Delikatessen- u. Selchwaren-Handlung” di Josef Horak mostra una coscia di prosciutto (1910) e quindi un riferimento pittorico del prodotto (n. 33).

Particolarmente riuscito è il già citato timbro del maestro fabbro Johann Innerhofer, che mostra un’aquila in volo con una chiave tra gli artigli (fattura del 1913, n. 105). Un altro timbro “parlante” è quello di Thomas Wielander, maestro spazzacamino di Brunico, sul quale è raffigurato uno spazzacamino in tenuta completa e con scala (1911, n. 150). Anche un timbro del meccanico Wilhelm Klötzer (fattura del 1902, n. 151), che aveva filiali a Merano e Brunico, è abbastanza elaborato.

Per non menzionare solo gli uomini, bisogna rilevare anche l’impronta del timbro di Therese Steiner (1918, n. 152), che gestiva un “negozio di moda, abiti pronti e pellicce a Brunico”, e due diversi timbri di Anna Tinkhauser, che lavorava in un “negozio e produzione di corde” (1915 e 1922, n. 153, 154). Su una fattura del maestro cordaro Georg Tinkhauser del 1911 c’è un’impronta con l’iscrizione “Georg Tinkhauser, Seilergeschäft, Bruneck, Tirol” (No. 155). Accanto, il segno della corporazione dei cordai è raffigurato in un cartiglio araldico.

Max Schelle, proprietario della farmacia Zieglauer, usava una combinazione di timbro di compagnia e data già nel 1900 (n. 156). L’imprenditore edile Franz Müller aveva persino un timbro di firma, cioè un’imitazione della sua firma (bolla di consegna emessa nel 1915, n. 157). Una forma speciale di timbro usata raramente era il timbro in rilievo. Questo può essere trovato solo per due commercianti nell’inventario: il fabbro Alois Liensberger (“A. Liensberger / Schmidmeister / Bruneck”), che ha usato questa forma di timbro relativamente presto, nel 1883 (n. 158), e per Ursula Walde. Nel suo caso, il timbro si trova su una fattura senza data della “Seifen & Kerzen Fabrik” (n. 159), che probabilmente risale agli anni 1870 o 1880. Apparentemente aveva la funzione di correggere il nome “Johann Walde” stampato sul modulo di fattura, mantenendo così il foglio utilizzabile.

Importazione ed esportazione

Nei fondi dell’archivio del magistrato civico di Brunico ci sono lettere pubblicitarie, offerte e fatture presentate da ditte di tutta la monarchia asburgica e oltre, spesso con intestazioni di lettere o fatture impressionanti. Per il presente studio, naturalmente, solo le carte delle aziende di Brunico potevano essere presi in considerazione. Ciononostante, vorremmo segnalare alcuni oggetti provenienti dalle immediate vicinanze della città, come diverse fatture della “k. k. Tabak-, Pulver- und Spielkarten-Verschleiß” (distribuzione imperiale-regia di tabacco, polvere e carte da gioco) di Alois Hellweger a San Lorenzo di Sebato, che provengono dalla tipografia Mahl. La ditta Hellweger era allo stesso tempo “Niederlage der Marburger Dampfmühle Karl Scherbaum & Söhne” nonché “Lager von Getreide, Portlandzement etc.” e distributore di “Munitionsgegenstände aller Art” (No. 160).

La “Erste Pustertaler-Ziegelfabrik D. Madile & M. Mösslacher” aveva sede a Valdaora, ma gestiva il suo ufficio centrale a Brunico. Di conseguenza, una “Faktura” fu emessa per il magistrato della città il 31 ottobre 1908 a Brunico (n. 161). Anche la già citata fattura del capomastro Franz Madile fu emessa a Brunico il 25 gennaio 1902, sebbene l’azienda avesse sede a Klagenfurt (n. 65).

Il maestro falegname Chrisant Oberparleiter emetteva le sue fatture, stampate anche da Mahl a Brunico, a Villa Santa Caterina, come un esempio datato 31 dicembre 1910 (n. 162).

Franz Rieger, ramaio e idraulico di Bolzano, gestiva una filiale a Brunico. I dettagli della storia dell’azienda possono essere ricostruiti dalle fatture: nel 1898 si parla ancora della filiale di Brunico (n. 140), ma nel 1905 e 1906 di un’attività indipendente nella Via Centrale inferiore di Brunico, mentre l’attività principale rimaneva a Bolzano. La carta intestata inizialmente si riferiva ancora all’azienda predecessore di Brunico: “vormals J. Starch” (n. 163, 164).[18] Come la ditta di Rieger, anche le “Pusterthaler Schafwollwaren-Fabriken” di Josef Mössmer avevano due sedi aziendali a Campo Tures e Brunico (fatture del 1901 e 1907, n. 165, 40).

Se il campione esaminato contiene materiale stampato che è stato prodotto a Brunico e non è stato usato (solo) da aziende di Brunico, allora al contrario ci sono stati fornitori di servizi locali che hanno importato la loro carta intestata e la carta per fatture. Una testata della “Spezerei-, Manufaktur-, Eisen-, Eisenwaren- und Lederhandlung” di Josef Webhofer con belle forme Art Nouveau è uno dei pezzi più eleganti della collezione di Brunico (“Faktura”, datata nel 1913, n. 166). Il foglio stesso è prestampato in verde, nell’intestazione della fattura questo verde-grigio alterna con caratteri e ornamenti viola. Il pezzo è firmato “Jacob Honig & Sohn, Wien II.”

Una caratteristica speciale dell’azienda Webhofer era anche l’uso di fogli stampati su entrambi i lati: Una ricevuta emessa nel 1886 (n. 167) mostra sul retro l’immagine di un barattolo di estratto di carne della Liebig Company. Presumibilmente qui è stato usato un tipo di stampa importato, che è stato fornito alla società brunicense come articolo promozionale.

Una fattura emessa e timbrata da Johann Schönhuber nel 1916 sembra provenire da un blocco di carta prodotto a Vienna (n. 168). Il foglio, prestampato in blu, indica il produttore e il tipo come segue: “Lagersorte Nr. 732. ‘Etoile’. Ges. gesch. M. Josef Stern, Vienna, IV/1, Margaretenstr. 44.” Le stesse carte furono usate dal commerciante di moda e abbigliamento Franz Larcher di Brunico nel 1917 (n. 169). Un altro foglio di fattura, emesso e timbrato nel 1924 dal sarto da uomo e da donna Peter Peintner, è anch’esso stampato in blu e porta la nota: “Vereinsbuchdruckerei Bozen” (No. 170).

Un tipo di stampa della “Anton Staudacher’s Faßbinderei in Bruneck” (fattura emessa nel 1907, n. 135) ha la firma “C.A. Czichna, Druckerei, Innsbruck” sul bordo inferiore sinistro del foglio, riferendosi all’istituto litografico di Carl Alexander Czichna fondato nel 1841. Infine, i fogli di fattura litografati utilizzati dallo spazzacamino Anton Laner intorno al 1874 e al 1876 provengono dall’istituto litografico della vedova di T. Schneider a Graz (n. 183).

 

 

Prospettive

Lo studio delle carte intestate dei commercianti e degli artigiani di Brunico porta a interessanti approfondimenti sulla storia dell’economia della città, ma getta anche luce sulla storia della stampa e sullo sviluppo della pubblicità nell’ambiente delle piccole città alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo. Gli stampati di banche, assicurazioni, avvocati e medici sono esclusi da questo studio. I fogli dell’amministrazione comunale, come quelli del magistrato comunale, dell’ospedale comunale o dell’azienda elettrica comunale, che furono prodotti per lo più dalla tipografia Mahl e sono relativamente disadorni, non appartengono alla sfera commerciale. Anch’essi non sono stati inclusi qui.

Un pezzo particolarmente bello, che dovrebbe essere rappresentativo delle carte intestate non commerciali, è una lettera dell’associazione di ginnastica (Turnverein) di Brunico (datata 1871, n. 171). Questo foglio è stato stampato da Mahl in tre colori (verde, rosso e nero). All’interno di un cartiglio neo-barocco mostra i motti “Gut Heil” e “kraft und muth der turner gut” (la forza e il coraggio sono i valori dei ginnasti) così come il motto “Gut Heil!” in scrittura gotica. Sono sopravvissute anche due carte intestate stampate del 1913 per il club per i sport invernali (Wintersportclub) di Brunico (no. 172, 173).

Le testate delle lettere e delle fatture a volte raccontano intere storie di imprese che hanno cessato di esistere da tempo. Un esempio particolarmente vivido è la compagnia Voigt. Una prima fattura (datata 1883, n. 174) è di “J.H. Voigt’s Buchhandlung und Buchbinderei”. Sempre nel 1884 fu emessa una fattura da Johann Heinrich Voigt (n. 175). Nel 1899 Karl Voigt gli era apparentemente succeduto come gestore di una libreria e legatoria, la cui gamma di prodotti includeva oggetti di scrittura e di disegno, libri e articoli scolastici, carta e inchiostri, modanature e cornici in oro (nn. 176, 177, 136, 137). Nel 1902, la vedova Anna Voigt fu nominata per la prima volta in un’intestazione di fattura come proprietaria della “Buch- und Kunsthandlung di Carl Voigt” (n. 138). Nel 1906 Ludwig Mayer appare come proprietario (n. 177), che viene cancellato nel 1908 (n. 178). Nel 1915 c’è menzione di un negozio di libri e arte (No. 179), dove quest’ultimo termine non si riferisce al commercio di oggetti d’arte, ma a “arte, musica, oggetti per scrivere e disegnare”, come si può vedere da una fattura del 1919 (No. 180). Negli anni ‘20, il nome dell’azienda si consolidò finalmente come “K(arl) Voigt, Bruneck, Buch- und Papierhandlung” (No. 181, 100).

Bisogna anche fare riferimento a un foglio di Josef Leitner, che gestiva il “Marzel-Mühle” sul Rienza e che il 13 dicembre 1915 faceva pagare dieci corone per il banco di lavaggio sulla “Plarer-Wiere” (n. 182). Sia il mulino “Marzel” che il banco di lavaggio sono scomparsi da tempo, e la conduttura dell’acqua (Wiere) vive solo come una reminiscenza in bianco e nero nelle fotografie storiche.

È quindi ovvio che questa mostra può essere solo un impulso per ulteriori ricerche. È anche chiaro che un’analisi più dettagliata della carta intestata e dei fogli delle fatture, per esempio in combinazione con un esame della stampa contemporanea, in questo caso specifico delle pubblicità di aziende locali nel “Pustert(h)aler Boten”, può contribuire a nuove intuizioni. Le carte intestate, i moduli di fatturazione e le pubblicità sono un genere di fonte storica speciale, sia per la storia della città e del paese, per la storia industriale ed economica, per la storia delle aziende e della cultura, per la storia della famiglia, per la storia della prima pubblicità o anche per il linguaggio commerciale sui moduli, come dice Paul Wietzorek.[19]

La mostra “Brunecker Briefköpfe / Carte intestate di Brunico” invita i visitatori a guardare da vicino e a fare confronti, ma vuole anche essere uno stimolo per un esame più approfondito delle testate di lettere e fatture locali e della loro ricca tradizione.

 

183


 

Annotazioni

[1] Michael Hochedlinger, Aktenkunde. Urkunden- und Aktenlehre der Neuzeit (Historische Hilfswissenschaften), Wien/München 2009, 131–132.

[2] Cfr. Martin Harpf, gründen/fondare, in: Verein Brunopolis (ed.), 1870: Aufbruch ins Grün. 150 Jahre Gründung des Stadtverschönerungsvereins Bruneck / Evasione nel Verde. 150 anni dalla fondazione dello Stadtverschönerungsverein di Brunico, Brunico 2020, 31–33; Andreas Oberhofer, Hermann Mahl (1860–1944), Notizie per una biografia, in: Verein für Kultur und Heimatpflege Bruneck (ed.), Hermann Mahl: Pionier der Farbfotografie im Pustertal / Pioniere della fotografia a colori in Val Pusteria, Brunico 2017, 37–57.

[3] Claudia Selheim, Der erste Eindruck. Zur Selbstdarstellung Bielefelder Unternehmen auf Briefköpfen im 19. und 20. Jahrhundert, in: Ravensburger Blätter, 1996, quaderno 2, 37–44, 37.

[4] Martina Obermair, Gewerbetopographie des Stadt- und Oberamtsgerichtes Bruneck in der Zeit von 1700 bis 1860, Diss. Innsbruck 1984/85, 452.

[5] Obermair, Gewerbetopographie, 223.

[6] Obermair, Gewerbetopographie, 461.

[7] Obermair, Gewerbetopographie, 461.

[8] Obermair, Gewerbetopographie, 447.

[9] Hochedlinger, Aktenkunde, 122.

[10] Per esempio, una fattura della società “Dr. Block & Co.” a Bodenbach an der Elbe (Boemia, oggi quartiere di Děčín), stampata su carta rosa satinata, n. 22.

[11] Obermair, Gewerbetopographie, 233–234.

[12] Cfr. Winfrid Glocker, Drucktechnik. Ein Begleitbuch zur Ausstellung im Deutschen Museum, München 2007, 65.

[13] Cfr. Martin Eduard Fischer, Briefköpfe, Zeitdokumente und Quellen zur Bau- und Wirtschaftsgeschichte, in: Oltner Neujahrsblätter 38 (1980), 34–39; Selheim, Selbstdarstellung; Paul Wietzorek, Industrie in Krefeld – Geschichte und Selbstdarstellung Krefelder Firmen auf Briefköpfen, Rechnungsbögen und Anzeigen, in: Der Niederrhein 3/2021, 105–114.

[14] Cfr. Glocker, Drucktechnik, 152–167; Ernst Rebel, Druckgrafik. Geschichte und Fachbegriffe (Reclams Universal-Bibliothek 18649), Stuttgart 22009, 160–162.

[15] Cfr. Verein für Kultur und Heimatpflege Bruneck (ed.), Hermann Mahl: Pionier der Farbfotografie im Pustertal / Pioniere della fotografia a colori in Val Pusteria, Bruneck 2017.

[16] Martin Harpf, Spannende Einblicke in das Fotoarchiv Mahl, in: Martin Harpf / Archiv Mahl – dipdruck (ed.), „Aus dem alten Bruneckerleben“. Fotografien aus dem Archiv Mahl, Bruneck 2019, 9–47, 35–37.

[17] Selheim, Selbstdarstellung, 38.

[18] Cfr. Obermair, Gewerbetopographie, 323, 330.

[19] Wietzorek, Industrie, 105.

 


Colofone

Concezione e realizzazione: Archivio storico della Città di Brunico in collaborazione con la Biblioteca civica di Brunico 2022. Testo: Andreas Oberhofer. Tutte le immagini sono soggette alla licenza Creative Commons CC BY-NC 4.0. Tutti gli originali sono conservati nell’Archivio comunale di Brunico.