Obermohrberger, Obermorberg

 

Frühere Namen:

Le due fattorie di Morberg (ovvero Worberg) che fino al XVI secolo formavano un maso unico, erano situate a Reiperting nella zona di Riscone. Nel catasto della corte di Brunico del 1777 la fattoria fù documentata in due parti. La Obermorberg (Morberg di Sopra) e l'Untermorberg (Morberg di Sotto).

Le fattorie Morberg fecero parte delle quattro masserie "Kuchlmair" a Riscone. Queste sottostavano alla corte di Brunico, la quale si era formata dopo lo spostamento della corte da Santa Caterina al Castello di Brunico. La Corte era responsabile per l'amministrazione dei possessi della diocesi di Bressanone nella Valle Pusteria. Nelle vicinanze di Brunico esistevano circa quaranta masserie "Kuchlmair" , il loro compito consisteva di fornire il castello di viveri, legna da ardere, foraggio per i cavalli e altre cose nel caso il principe vescovo venisse a Brunico. Nel 1428 il vescovo Ulrich II Putsch ordinò l'installazione di uno stagno su Morberg. Il proprietario della fattoria dovette consegnare sei libbre di pesci all'anno. Tutte le masserie  "Kuchlmair" erano attrezzate di un molino, un granaio, un giardino con alberi e  vitelli. Oltre alle queste imposte e l'incarico di tagliare l'erba sul prato Ragen, le fattorie "Kuchlmair" ebbero diverse agevolazioni. Beneficiavano dell'esenzione dal dazio doganale presso le dogane dei vescovi di Bressanone e avevano il permesso di pescare anche con acqua torbida e di dare la caccia a uccelli migratori.

I "Kuchlmair" divisero il diritto di usufrutto dei boschi e pascoli con i masi nelle vicinanze. Inoltre le fattorie "Kuchlmair" dovettero dare le imposte anche al mansionario della parrocchia di Brunico e di Riscone. Il 12 settembre 1811 un documento di allodio del governo reale bavarese trasformò le fattorie in terreni feudali.

Literatur:

Raimund Grießmair, Reischach. Aus der Geschichte eines Dorfes, Bruneck 2007.