Piazza della Chiesa

Akt:

La strada è stata nominata con la delibera n. 163 del consiglio comunale il 6 novembre 1966.

Herkunft:

La piazza della Chiesa è la piazza davanti alla Chiesa di San Giorgio, consacrata a San Giorgio. Già nel IX secolo, durante il periodo carolingio, la chiesa del paese fù consacrato a San Giorgio e per un certo periodo fù pure parrocchia. Nel 1014  Heinrich II e sua moglie Kunigunde imposero il loro volere e la chiesa di San Giorgio fù annessa alla parrocchia di Gais. Solo nel 1932 San Giorgio divenne una parrocchia indipendente.

Dopo l'annessione alla parrocchia di Gais la chiesa di San Giorgio, ormai chiesa filiale di Gais, era quasi abbandonata. Nel 1475 la chiesa fù ampliata e ristrutturata in stile gotico. Inolre venne aggiunta una torre enorme. Nel 1482 i lavori di restaurazione terminarono e il 21 gennaio 1483 il vescovo Konrad Reichard di Bressanone inaugurò la nuova chiesa. La chiesa filiale e l'altare maggiore sono consacrati a San Giorgio, Sant'Andrea apostolo, San Floriano, San Michele ed i Santi Magi d'Oriente. Alla fine del XVI secolo la chiesa di San Giorgio era in rovina siccome la fondazione non era in grado di finanziarla e per la mancanza di preti a causa delle continue guerre contadine. Anche il movimento di anabattismo era svantaggioso per la chiesa di San Giorgio. Il primo capo degli anabattisti fù Jakob Huter di San Lorenzo. Il luogo di riunione degli Huter fù sul Castello San Michele. Durante controlli in tutta la Val Pusteria nel 1533 e 1534 a San Giorgio, Gais e Casanove furono scoperti tanti aderenti della setta. Molti furono esiliati o addirittura giustiziati.

Nel 1733 la chiesa di San Giorgio divenne una filiale indipendente dell'episcopato di Bressanone. Nel XVIII secolo l'interno della chiesa fù rinnovato in stile barocco ma già nel XIX secolo la chiesa fù rigotizzata in parte.  Dal 1976 fino al 1983 la chiesa di San Giorgio fù ristrutturata. Nell'ambito di questi lavori furono scoperti i fondamenti romani del vecchio edificio.

Quellen:

Michael Mitterhofer (Hg.), St. Georgen an der Ahr im Spiegel seiner Geschichte. Dorfbuch, St. Georgen 1985. Georg Markus Schraffl, Aus der Chronik von St. Georgen, Brixen o.J. Hubert Stemberger, Bruneck und Umgebung (Südtiroler Gebietsführer, Band 7), Bozen 1988.

Karte: