Breve storia della città


Preistoria

Quando la Val Pusteria occidentale fu abitata per la prima volta, nonostante alcuni ritrovamenti individuali del periodo neolitico, non è possibile determinarlo con precisione. Informazioni più dettagliate sono fornite da strumenti in pietra del tardo Neolitico che sono stati trovati nel 1975 a Castel Badia vicino a San Lorenzo di Sebato. Risalgono all’età del rame e del bronzo, intorno al 1700-1500 aC. Ci si può aspettare un insediamento permanente della Val Pusteria occidentale.

I reperti nel comune di Brunico sono limitati ad alcuni siti preistorici, soprattutto i cosiddetti Pipen e Buenland sopra il poligono di tiro.

I Pipen sul pendio della montagna sopra San Giorgio sono due cime moreniche boscose che mostrano chiari segni di insediamento con resti di mura e resti di un muro di pietra. L’insediamento iniziò qui nella prima età del bronzo. Il cosiddetto Buenland-Bühel è un’altura boscosa nella parte orientale della conca di Brunico, sulla quale negli anni ’70 è stato scoperto e sistematicamente scavato un insediamento con resti di case, focolari e pavimenti lastricati. Questo insediamento appartiene alla tarda epoca preromana e fu probabilmente abbandonato a cavallo dei secoli (attorno alla nascita di Cristo).


Epoca romana

Negli anni 16 e 15 aC i Romani occuparono quasi l’intera regione alpina. La Val Pusteria fu incorporata nel loro impero come parte della provincia di Norikum, mentre gran parte del resto della regione alpina fu riunita nelle province della Raetia I e della Raetia II. La popolazione indigena non oppose quasi nessuna resistenza ai Romani, che costruirono strade e ponti e allestirono stazioni stradali. Sorsero le mansiones (sostegni, ostelli) Sebatum (vicino a San Lorenzo) e Littamum (probabilmente vicino a San Candido).

Nell’area del comune di Brunico, non ci sono molte testimonianze dell’epoca romana, poiché, come la preistoria, l’insediamento romano era quasi esclusivamente limitato a San Lorenzo. Una strada militare romana attraversava la Val Pusteria, la Via Claudia Augusta Altinate, che da Aquileia entrava nella Drautal, passava per Aguntum, Littamum e Sebatum e proseguiva verso ovest. Lungo la strada si trovano diverse tappe miliari, sul cui corso in quella che oggi è l’area urbana di Brunico vi sono opinioni diverse.


Alto medioevo

La Val Pusteria apparteneva alla diocesi di Aguntum ai tempi del primo cristianesimo. Probabilmente a San Lorenzo esisteva un importante centro ecclesiastico che, dopo la distruzione di Aguntum nel VII secolo e la distruzione della chiesa di Lavant, avrebbe potuto fungere anche da sede vescovile provvisoria.

Nel corso del VI e del VII secolo la Bassa e la Media Val Pusteria furono abitate dai bavaresi delle Prealpi settentrionali, che si mescolarono sempre più alla popolazione locale, i cosiddetti Latini. È probabile che i villaggi di Teodone, Villa Santa Caterina, San Giorgio, Montassilone, Grimaldo, Issengo, Fassine e Ragen siano emersi nell’VIII e nel IX secolo. Contemporaneamente all’avanzata dei bavaresi verso est, si ebbero diverse incursioni slave nell’ex area norica: i Venedi (Vendi) invasero la Val Pusteria, ma furono sconfitti dal duca Tassilone I, che riuscì a mettere in sicurezza il confine orientale del suo ducato.

Duca Tassilone III. riuscì a costruire un monastero benedettino a San Candido nel 769. Nel X e XI secolo fu costituita la “contea della Val Pusteria”, che fu data in feudo nel 1091 al vescovo Altwin di Bressanone. Tra il 995 e il 1005 una donna Suanahilt diede l’insediamento di Ragouva (Ragen) al vescovo Albuin e al suo balivo Engildeo. Questo consisteva in un gran numero di masi, che si trovavano nei distretti di Ober-, Außer- e Unterragen.


La fondazione della città di Brunico

Il vescovo nominò balivi per amministrare i suoi territori. Nel 1209 questi baliati furono trasferiti dai Conti di Andechs (anche Duchi di Merania) ai Conti del Tirolo. Il conte Alberto di Tirolo ereditò le aree della Inntal e della Val Pusteria e durante il suo baliato il principe-vescovo di Bressanone Bruno, conte di Kirchberg (1250-1288), fondò la città di Brunico, menzionata per la prima volta il 26 ottobre 1256 (facta est autem hec donatio aput Bruneke anno Domini m cc lvi indictione xiiii vii kalendas novembris).

Bruno trasferì il suo centro amministrativo da Villa Santa Caterina alla nuova città, che era anche un contrappeso a San Lorenzo, luogo importante per i conti tirolesi come centro ecclesiastico attraverso la vicina corte di Castel San Michele e il famoso monastero benedettino di Castel Badia. Bruno fece costruire su uno sperone roccioso il piccolo castello di Brunico e contemporaneamente iniziò la costruzione di una cittadina ai piedi del castello.

Morto il conte Alberto di Tirolo nel 1253 senza eredi maschi, la parte meridionale del paese passò a Mainardo I di Gorizia. Dopo la sua morte, nel 1258 salì al potere il figlio Mainardo II, che riuscì anche ad appropriarsi della parte settentrionale del paese, ma dovette cedere la Val Pusteria e il goriziano orientale al fratello Alberto. L’emergente città di Brunico come alcuni piccoli tribunali e feudi conobbe un proprio sviluppo politico ed economico, rimanendo sotto il dominio del vescovo e amministrati dai suoi funzionari.


Fortificazione ed espansione

Nel 1305, il vescovo Di Bressanone Johannes (Sax) offrì a quindici cittadini della giovane città di Brunico uno sgravio fiscale, a condizione che accettassero di completare la costruzione della cortina muraria iniziata dal vescovo Bruno. Nel 1309 Jakob der Trautson è nominato come probabilmente il primo capitano del castello di Brunico.

Alte Stadtmauer 3

Le mura della città vecchia.

La città in origine era costituita da due file di case addossate alla colle del castello; questa planimetria è stata determinata fin dall’inizio. Nel 1336, le mura della città e il fossato furono completati sotto il vescovo Albert von Enn. Ora c’erano 90 case lungo l’unica strada della città e una grande piazza all’estremità occidentale. La città era divisa in sei quartieri: il primo si estendeva dalla porta Ragen sul lato della colle del castello al tribunale (Stadtgerichtshaus, oggi casa Meusburger), il secondo alla porta inferiore (porta delle Orsoline), il terzo sul lato opposto fino alla porta di San Floriano, il quarto tornava alla porta Ragen. Oberragen e Außerragen (Ragen di supra e Ragen di fuori) formavano quartieri separati. I quartieri erano amministrati dai maestri di quartiere nominati dal consiglio della città.

C’erano tre grandi pozzi e le relative condutture dell’acqua. Nel 1370 alla città fu concessa la libertà di un mercato settimanale e nel 1371 l’alta giurisdizione (potestas gladii) fu concessa dall’imperatore Carlo IV.


Tardo medioevo

DSC_0813

La chiesa di Santa Caterina “am Rain”.

La prima chiesa all’interno delle mura della città di Brunico, la Rainkirche, fu costruita dal brunicense Niklas Stuck sotto il castello. Nel 1358, probabilmente a causa della dilagante peste, suo fratello Heinrich donò l’ospedale cittadino con la sua chiesa, che fu costruita negli anni successivi e finanziata dalla famiglia Söll in particolare attraverso una fondazione.

Dal punto di vista ecclesiastico, Brunico apparteneva alla parrocchia di San Lorenzo fin dalla sua fondazione. Nel 1369 i cittadini della città firmarono un contratto con il parroco locale, secondo il quale volevano costruire una canonica presso la chiesa di Ragen per mantenere in città quattro sacerdoti che avrebbero dovuto essere responsabili delle questioni pastorali. Questa chiesa dedicata alla Madonna è citata per la prima volta nel 1334, ma doveva esistere prima, poiché il cimitero è attestato da una lapide del 1300.

Alla fine del XIV secolo a Brunico c’erano già sei sacerdoti che abitavano nella canonica. Il vescovo Ulrich Putsch permise ai brunicoli di costruire una cappella dedicata alla Santissima Trinità, che sarebbe poi diventata la Chiesa Nuova; questa, l’odierna chiesa conventuale delle Orsoline, fu edificata intorno al 1427 come “chiesa nuova”.

Ursulinenkloster

Das Ursulinenkloster.

A Brunico esisteva anche una cappella che era annessa alla sagrestia della chiesa di Ragen, nonché una cappella in onore di San Sebastiano. Questo diede anche il nome ad una confraternita, che si occupava principalmente dei poveri e degli ammalati. Entrambe le cappelle furono demolite nel 1789 quando fu ricostruita la chiesa parrocchiale.

Dal 1430 e fino al 1519 è documentata a Brunico la comunità delle Beghine (suore di preghiera). Questo gruppo viveva nella propria casa nella “Peunte” e si occupava principalmente di cittadini malati.

Nel tardo medioevo fu fondata la scuola di pittura della Val Pusteria, di cui il pittore Hans von Bruneck fu uno dei fondatori, e nella quale si formarono Michael e Friedrich Pacher. Michael Pacher (ca. 1435-1498) gestiva poi un’officina nel centro storico di Brunico, che divenne uno dei più rinomati dell’intera regione alpina.


Prima età moderna

Al tempo delle guerre contadine (1525), l’arciduca Ferdinando assunse inizialmente la protezione del vescovado di Bressanone e quindi anche della città di Brunico contro i “contadini” in rivolta (dopo la morte di Leonhard von Görz, i giudizi della Val Pusteria furono passati alla Casa d’Asburgo nel 1500). Il signore della città (il vescovo) si stabilì quindi in città, ma morì nella sua sede d’ufficio. Sebbene la città sia stata risparmiata dal saccheggio, le idee della Riforma luterana sono riuscite a trovare accettazione tra i cittadini. Ma quando i Brunecensi iniziarono a recitare testi ecclesiastici tedeschi e ad amministrare la Cena del Signore in due forme diverse negli anni 1560, furono severamente rimproverati dal vescovo. Diverse visite successivamente portarono alla luce sacerdoti disobbedienti e scritti impopolari.

Dopo varie lamentele da parte dei cittadini di Brunico contro il parroco di San Lorenzo, la città divenne una propria parrocchia attraverso un documento del vescovo Christoph Andreas nel 1610, e Johann Härlin divenne il primo parroco della città. Gradualmente, si è affermato il nome “chiesa parrocchiale” per la chiesa di Nostra Signora al Ragen di sopra. Nel 1626 i cappuccini si stabilirono a Brunico.

Nel 1723 ci fu un devastante incendio in cui fu distrutta gran parte della città. Nel 1741 a Brunico fu fondato il monastero delle Orsoline contro la forte opposizione dei cittadini e del consiglio comunale.

Il 6 marzo 1803 il governo del vescovo fu ufficialmente revocato e l’imperatore Francesco I./II. rilevò in proprietà i territori del principato di Bressanone.


Il periodo delle guerre napoleoniche

Nel 1797, dopo la battaglia di Spinga, le truppe francesi in Tirolo si spostarono attraverso la Val Pusteria verso est, dove volevano unirsi all’esercito principale. I Landstürmer qui residenti si sono riuniti a Brunico, da dove hanno inviato una delegazione a Rio di Pusteria. Lì hanno ricevuto l’assicurazione che le persone e le loro proprietà non sarebbero state danneggiate in alcun modo. Gli ufficiali francesi furono alloggiati per una notte a Brunico, mentre le truppe si accamparono nei campi circostanti.

Nel 1809 la Val Pusteria era subordinata al commissario distrettuale generale bavarese Johann Georg von Aretin, il suo vice a Brunico era Johann Theodor von Hofstetten. Dopo che l’Austria dichiarò guerra alla Francia e ai suoi alleati il ​​9 aprile 1809 e le truppe austriache si trasferirono in Val Pusteria, il direttore austriaco Joseph von Hormayr nominò il maggiore degli Schützen Philipp von Wörndle come vicedirettore della Val Pusteria. Il 20 maggio Andreas Hofer, che nel frattempo si era elevato al comando di tutti i Schützen e Landstürmer, si recò personalmente a Brunico per convincere il maresciallo austriaco Chasteler a marciare con lui contro Innsbruck.

Nel luglio 1809 fu concluso l’armistizio nei pressi di Znojmo, e Chasteler, che si preparava a lasciare la Val Pusteria, nominò il Capitano Steiner come comandante in capo della Val Pusteria. Anton Steger era a capo della compagnia di Brunico, il 31 luglio è stato nominato da Hofer rappresentante autorizzato in Val Pusteria. Dopo le prime tre battaglie del Bergisel, il 14 ottobre 1809 fu conclusa la pace di Schönbrunn, nella quale il Tirolo dovette essere nuovamente ceduto alle potenze vittoriose. Dopo i disordini in Val Pusteria, il generale francese Rusca entrò a Lienz il 1 novembre e da lì marciò verso ovest: i tirolesi furono sconfitti al Bergisel lo stesso giorno, i bavaresi tornarono a Innsbruck.

Rusca arrivò a Brunico il 5 novembre e quel giorno si svolse una battaglia nei pressi di Gais. Di conseguenza, i francesi sono stati in grado di farsi strada fino alla Chiusa di Rio Pusteria. Gli abitanti dei villaggi circostanti, che avevano già iniziato a bombardare la città di Brunico il 30 novembre, decisero di attaccare il 2 dicembre. C’è stato un combattimento che è durato per ore sui campi di Rienza, le truppe prima si sono spinte fino ai bastioni, ma poi sono fuggite. I Schützen avevano allestito un “quartier generale” a Perca, da dove invitavano i francesi a cedere la città il 3 dicembre.

Scan Doc 1809-1_red

Lettera dal “quartier generale” a Perca al consiglio comunale di Brunico, 3 dicembre 1809. Archivio storico della città di Brunico. Foto: Archivio storico.

I francesi declinarono questo invito. Quando il generale Broussier marciò a Brunico con 6.000 uomini, nel suo viaggio attraverso la Val Pusteria da Lienz aveva già fatto fucilare alcune persone non coinvolte. I combattimenti per la città di Brunico nel dicembre 1809 hanno causato un totale di 62 vittime.

Dopo la rivolta del 1809, la Val Pusteria fu nuovamente incorporata nel Regno di Baviera. Nel settembre 1813 si rinnovarono gli scontri quando i francesi invasero la città di Brunico e si assestarono. I francesi e gli austriaci si incontrarono il 3 ottobre, ma le battaglie rimasero senza una decisione. Il giorno dopo gli austriaci si trasferirono a Brunico e nell’estate del 1814 tutto il Tirolo fu finalmente restituito all’Austria.

Durante le guerre napoleoniche, Brunico soffrì principalmente dell’occupazione (quattro volte) e in alcuni casi dovette contrarre debiti elevati.


Il “lungo” XIX secolo

Intorno al 1800 Brunico era una piccola cittadina con circa 1900 abitanti. Nel 1815 l’ufficio distrettuale fu finalmente trasferito a Brunico e nel 1819 fu introdotto un nuovo codice municipale. Dal 1849 la contea del Tirolo era composta da soli tre distretti; la circoscrizione di Brunico (dal 1868) apparteneva al circondario di Bressanone con i distretti giudiziari di Brunico, Tures, Marebbe, Livinallongo, Monguelfo e Ampezzo.

Nel 1835 a Brunico si fa menzione per la prima volta di una “guardia civile”, alla cui testa marciava una “banda di musica splendidamente divisa”. Nel 1842 venne costituita per la seconda volta (dopo il 1829) la “Società dei Piaceri Sociali” (Verein zum geselligen Vergnügen) o “Associazione del Casinò”, circolo letterario che si riuniva presso la locanda “Zum Goldenen Stern” per serate letterarie, musicali e spettacoli teatrali. Nel 1843 Hermann von Gilm, nato a Innsbruck, fu trasferito a Brunico, noto poeta impiegato presso il tribunale distrettuale. La vita culturale che si sviluppò a Brunico valse a volte alla città il titolo onorifico di “Piccola Weimar”. Nel 1850 fu ricostruita la chiesa parrocchiale in stile storicista-neoromanico, per cui la precedente costruzione, di epoca medioevale, fu quasi completamente demolita. Le tracce più importanti della Gründerzeit a Brunico sono diversi edifici accanto i bastioni, che furono rinterrati all’inizio del XIX secolo e trasformati in una passeggiata e in un mercato.

Nel 1863 fu fondato a Brunico un corpo dei vigili del fuoco volontari e nel 1871 entrò in funzione la linea ferroviaria Lienz-Fortezza. Johann Georg Mahl fondò l’Associazione per l’abbellimento della città nel 1870 e fu anche cofondatore della sezione di Brunico dell’Associazione alpina tedesca e austriaca. Nel 1895 fu inaugurato un rifugio al Plan de Corones. L’alluvione del 1882 fu un disastro per la città. I ruscelli su entrambi i lati della valle principale si sono ingrossati nel mese di settembre a causa delle piogge prolungate e hanno portato via con sé detriti, macerie e alberi interi. Il 16 settembre tutti i collegamenti in tutta la Val Pusteria furono interrotti in brevissimo tempo, le strade erano impraticabili e la linea ferroviaria interrotta in molti punti. Nella stessa città furono distrutte case, officine e ricoveri.

Nel settembre 1886 nei dintorni di Brunico ebbero luogo le cosiddette “Manovre imperiali”, durante le quali il “Kaiserwarte” a Kühbergl, costruito nel 1880 dall’Associazione per l’abbellimento della città di Brunico, fu utilizzato come punto di osservazione, una torre alta 18 metri da quale l’imperatore Francesco Giuseppe I. e gli arciduchi vedevano bene i movimenti delle truppe.


Brunico durante il XX secolo

Il 5 dicembre 1903 si accesero per la prima volta le luci elettriche nelle case della città. Con l’energia della centrale elettrica comunale, nel 1908 fu messa in funzione la ferrovia locale Brunico-Campo Tures, costruita nel 1907-08.

Durante la prima guerra mondiale Brunico fu un importante snodo per il vicino fronte dolomitico, particolarmente evidente per la forte presenza militare in città. Un gran numero di giovani dovette entrare per il servizio militare, ma presto fecero ricorso anche a coorti più anziane che dovettero compensare le grandi perdite in Galizia (1914/1915). A Brunico furono allestiti tre ospedali. Nel 1915 fu allestito un cimitero separato per soldati e prigionieri di guerra sul Monte Spalliera (Kühbergl) nel sud della città. Dopo l’armistizio del 1918, i soldati italiani occuparono la città e gli ufficiali italiani ne presero l’amministrazione.

Quando Benito Mussolini e il suo partito fascista presero il governo in Italia nel 1922, Ettore Tolomei iniziò il suo programma di snazionalizzazione in Alto Adige. Sulla Piazza Cappuccini di Brunico è stato eretto un monumento in onore della Divisione Pusteria degli Alpini, schierata nella guerra d’Etiopia. L’insieme intorno a questo monumento, che in seguito fu spesso bersaglio di esplosivi e attacchi di vernice, è la più importante testimonianza dell’architettura fascista nella Val Pusteria centrale. Della statua popolarmente conosciuta come “Kapuziner-Wastl” è rimasto solo un busto su un grande piedistallo in pietra.

Negli ultimi anni e mesi della seconda guerra mondiale (1939-1945) Brunico fu più volte colpita da bombe aeree.

Alpinidenkmal Graffito

Graffiti nel Vicolo Posteriore.

Nel dopoguerra la città si riprese molto rapidamente economicamente. Il turismo è aumentato così come l’attività edilizia e il numero di abitanti è aumentato rapidamente. La vita culturale è stata stimolata da diverse associazioni e il ripristino del sistema scolastico, l’istituzione di una scuola di musica e l’istituzionalizzazione dell’educazione degli adulti. Furono anche fondate varie società sportive e costruite le relative infrastrutture.

Nel 1963 entrò in funzione la funivia del Plan de Corones, che fece di Brunico e Riscone centri di sport invernali.


Annotazione

  • [1] L’attributo “von Wullenstetten” o “von Bullenstätten”, che si trova spesso in letteratura ed è anche assegnato al vescovo sull’affresco della porta Ragen (“Graf von Bullenstetten u Kirchberg in Schwaben”), non è applicabile. Cfr. Philipp Jedelhauser, Die Abstammung von Bischof Bruno von Brixen, Graf von Kirchberg (Iller) mit Exkurs zu Gräfin Mathilde von Andechs, Ehefrau von Graf Engelbert III. von Görz und Mutter von Graf Meinhard III., Krumbach 2016, 17-19.