I sigilli più antichi della Città di Brunico

Figura 1: Archivio storico della Città di Brunico, Serie delle pergamene no. 19. Foto: Archivio storico della Città di Brunico.

Questo sigillo in cera rossa mostra una torre slanciata e l’iscrizione “+ S : CIVIVM . CI[VIT]ATIS . PRAVNEKE” (sigillo dei cittadini della città di Brunico). È la più antica prova sopravvissuta dell’uso di questo timbro che si ritrova una seconda volta in un documento dell’anno 1382, anch’esso conservato nell’archivio storico.

Lo stesso motivo si ritrova su un secondo sigillo che fu allegato per la prima volta ad una pergamene civica nel 1370. Presenta la stessa torre e la scritta “+ S . CIVIVM. CIVITATE. PRAVNEKE”, ed è più grande (diametro 54 mm) in confronto al sigillo del 1356 (34 mm).

La torre con la merlatura simboleggia probabilmente il concetto medievale di città fortificata. Lo scrittore e storico locale di Brunico Paul Tschurtschenthaler (1874–1941) invece era dell’opinione che il mastio del castello di Brunico fosse l’ispirazione per l’immagine.

Il documento con il sigillo più piccolo è datato 13 maggio 1356 (figura 2), quello con il sigillo più grande è datato 15 giugno 1370 (figura 3). L’ipotesi che il sigillo mostri la torre della “Neukirche” (poi Chiesa delle Orsoline) è plausibile solo se esistesse un edificio precedente o se la torre è più antica di quanto si pensasse.

Lo stesso documento più antico riguarda la vendita di un campo sul “Rienzfeld”, quello più recente la fondazione di quattro messe quotidiane, che devono essere lette nella chiesa di Nostra Signora a Ragen e nella chiesa di S. Caterina (Rainkirche) da quattro sacerdoti che abitavano nella canonica di recente costruzione.

Ulteriori informazioni sul sigillo della città e sui suoi parallelismi con lo stemma civico possono essere trovate qui.

Questa voce è stata pubblicata in Allgemein, L'archivio si presenta, Storia della città. Contrassegna il permalink.